Intimità

Immagine

intimité.jpg

Annunci

In bilico

_MG_6455

Wanderlust

Wanderlust: il dizionario tedesco-italiano lo traduce come “voglia di viaggiare, voglia di girovagare”, ma in realtà questa parola ha un significato più profondo.

Con questo fotoracconto voglio narrare la storia di un mio viaggio (ancora irrealizzato) che comincia col desiderio di partire, osservando il mappamondo e sognando un posto che ancora mi è sconosciuto. Il viaggio comincia a prendere forma: con cartina e bussola organizzo la partenza, il percorso e la destinazione, cercando di non buttare tutto l’armadio nella valigia. Finalmente parto col mio bagaglio per questo viaggio alla scoperta del mondo. La lente di ingrandimento mi serve a focalizzare meglio l’attenzione sui particolari più importanti e a capire più a fondo il nuovo posto nel quale mi trovo. Dopo aver vissuto questa esperienza, torno a casa, con un bagaglio pieno di ricordi, eventi, volti, fotografie, parole straniere, sapori e suoni nuovi, cartoline e souvenir.

Wanderlust non è una semplice vacanza: significa voglia di esplorare il mondo, conoscere nuove persone, mettersi a confronto con culture e stili di vita diversi, parlare un’altra lingua, assaggiare i prodotti tipici del posto, partire contando solo sulle proprie forze e comprendersi meglio l’un l’altro.

1.desiderio2.progetto 3. valigia 4. partenza 5. destinazioni 6. ritorno 7. souvenir

Il piacere del tè

a cup of tea makes everything better

Arrivano le cinque del pomeriggio e – manco fossi inglese – mi rilasso con una tisana aromatica, di quelle buone dal sapore deciso con due cucchiaini di zucchero. Il profumo dei frutti di bosco mi porta in un’altra realtà, stende i nervi contratti, riposa la mente pensierosa. Come quando finalmente dopo una giornata pesante, rincasi e ti fai un bagno caldo, lasciandoti alle spalle le peripezie vissute. Mi abbandono a questo piacere del tè caldo, come fosse un massaggio al corpo e alla mente…

Con la testa fra le nuvole

head in the clouds

 

CON LA TESTA FRA LE NUVOLE

Mi capita spesso. O meglio, mi capita praticamente sempre. Potrei anche dire che non ho la testa fra le nuvole, ma la mia testa è proprio una nuvola. Un groviglio di milioni di pensieri, desideri, progetti, ricordi, storie ed emozioni che non c’entrano nulla con quello che sto facendo. Sto guidando e mi salta in mente un nuovo progetto fotografico. Sto facendo la doccia e mi ricordo l’espressione del viso della mia cuginetta. Sono a una riunione e mi viene in mente un nuovo dolce che potrei provare a fare. Sto leggendo un libro e mi vengono in mente tutte le cose che devo prendere al supermercato. Cammino per strada e la mia mente comincia a ideare storie impossibili.

Essenzialmente io sono qui, ma in realtà non sono qui.

 

 

Cercando la mia via

searchingformyway

Credo che tutti, prima o poi, nel viaggio della propria vita, si ritrovino a porsi quelle domande esistenziali che tutti conosciamo, ma alle quali è sempre difficile dare una risposta. Una di queste domande complicate per me è “Dove sto andando?” e la risposta non sono ancora in grado di darla. Mi sento come un’anima vestita di bianco, uno spirito ancora da scrivere, ma che brancola nel buio, nel nero. Tuttavia, le tenebre non possono esistere senza la luce, ed è proprio l’esistenza di questa luce – ovunque essa sia – che mi da la speranza di continuare a cercare la mia via.

Sogno statico

sogno statico

Il sogno, nella mia visione, per essere definito tale, è qualcosa di irrazionale, magico, dinamico. Un posto che non esiste, una sorta di Isola che non c’è, dove può accadere qualsiasi cosa, senza nessun limite.
Qui invece il sogno è statico: un controsenso, quindi.
Ho sempre considerato i miei capelli come un prolungamento dei pensieri che stanno nella mia testa, come una sorta di magazzino dei miei desideri e sogni – e sono tanti, caotici, e volano.
I miei capelli, i miei sogni volano, ma ciò accade solo nella mia testa, non lo vede nessuno il caos che ho dentro. Nella vita di tutti i giorni sono  immobile, coi piedi ben saldi a terra, sono statica, seppur sempre con la tesa puntata verso l’alto.
Sogno staticamente, ma continuo sempre a sognare.